La Psicologia di comunità costituisce un’area di studi, ricerche e interventi professionali che si focalizza sulle persone e i gruppi all’interno dei contesti socioculturali, economici, organizzativi e territoriali nei quali vivono e con i quali interagiscono continuamente. L’articolazione tra sfera individuale e collettiva nel contesto delle relazioni comunitarie connota l’oggetto di studio specifico della Psicologia di comunità. Infatti essa, pur riconoscendo la tradizione della psicologia clinica, sottolinea esplicitamente il fatto che molti dei problemi che le persone devono affrontare derivano non da dinamiche intrapsichiche, ma da fallimenti della comunità e dei suoi sistemi di interazione e di servizio al cittadino e che la prospettiva di aiutare le persone solo constatando e cercando di attenuare i loro disturbi rischia di mascherare i loro punti di forza e le loro competenze di auto-aiuto. Viene, quindi, messa in risalto l’esigenza di considerare congiuntamente le dimensioni personali e sociali dell’esperienza umana nel presupposto che i processi psicologici sono strettamente interconnessi con quelli sociali. In tal senso, la comunità e le interazioni sociali che la caratterizzano divengono sia lo schema di riferimento per comprendere «in situazione» i problemi, gli ostacoli allo sviluppo della persona e le vere e proprie patologie sia lo strumento col quale la stessa persona può trovare le opportunità, le risorse, i sostegni e le tutele per costruire il proprio benessere personale e collettivo.

Guarda il video di presentazione della Comunità “La Tenda”

https://www.facebook.com/latendaonlus.roma/videos/1829467937303730/